Chi è Will Cruickshank? È cresciuto a Devon, in riva al mare. Dopo aver iniziato a studiare architettura, è passato a studiare Scultura all’Accademia d’Arte di Manchester, e una volta laureato si è trasferito a Londra, lavorando in spazi abbandonati che poteva affittare a buon mercato. Con il tempo decise di trovare edifici inutilizzati in fattorie fuori città, con possibilità di affitti più economici, spazi più ampi e un ambiente di lavoro più vicino alla natura.

Com’è la vita in campagna, mentre la maggior parte degli artisti cerca di vivere il più possibile nelle grandi città, più vicino alla vita sociale e alle gallerie? Mentre lavoravo negli studi nelle fattorie fuori Londra, ho continuato a vivere in città, quindi ho ancora potuto godermi ciò che aveva da offrire culturalmente e socialmente. Lavorare in campagna mi ha dato molto più spazio, ma anche i ritmi annuali di una fattoria in attività e l’isolamento hanno aiutato a sviluppare il lavoro. Due anni fa sono tornato a Devon, nel sud-ovest del Regno Unito, dove sono cresciuto, e sono sicuro che a sua volta farà la sua parte nell’influenzare come e cosa produco.

Will è un artista multidisciplinare. Crea opere d’arte diverse – ma non diverse – come: sculture, intrecci, stampe, video e foto, il tutto secondo uno stile molto riconoscibile e seguendo correnti senza tempo: come l’astrattismo e il minimalismo. A questo proposito, ci sono due elementi preziosi che catturano immediatamente la nostra attenzione: il rigore della forma e l’attenzione al colore… o almeno così sembra. Il rigore della forma è il risultato dell’archetipo e del concetto. L’attenzione ai colori sembra ben calcolata per introdurre qualcosa ma non lo è: è del tutto casuale… chi l’avrebbe mai immaginato? È impressionante come attraverso i colori possiamo percepire la rotazione e le rotazioni del metodo di produzione. Metodo è una parola chiave del lavoro di Will.

Tutto è creato da lui stesso: le macchine autocostruite sono co-protagoniste con l’artista. C’è una linea sottile che divide le opere d’arte e le macchine. Le opere d’arte sono il risultato – e ovviamente i prodotti finali – ma le macchine sono di per sé una curiosità. Pensi prima al lavoro finale o alla costruzione della macchina? Quando ho iniziato a lavorare in questo modo, ho iniziato sviluppando processi meccanici in grado di creare oggetti. Il punto in cui mi trovo ora è leggermente diverso, spesso trovo che ogni oggetto punti a un nuovo perfezionamento o aggiunta per la macchina o il processo. Ora il lavoro guida lo sviluppo delle macchine e, a loro volta, le macchine guidano i lavori.

Quali sono le difficoltà di produzione? È una pratica molto sperimentale e immagino che tu abbia spesso una forma nella tua mente, ma poi ottieni un altro risultato. Cosa stai facendo in questo caso? Poiché le macchine sono autocostruite, sono spesso imprevedibili e lo stesso vale per i materiali che utilizzo. Ciò significa che generalmente le cose raramente vanno come mi aspetto. Ma penso che questo sia lo spazio emozionante del fare, dove puoi scoprire nuove possibilità per i tuoi materiali e dispositivi. A volte ovviamente è deludente quando le cose non vanno secondo i piani, ma dopo un po’ è possibile vedere nuove direzioni e opportunità.

Quanto tempo ci vuole per costruire una macchina? E quanto tempo ci metti a produrre il lavoro? La maggior parte delle macchine si è evoluta in un lungo periodo di tempo. I miei primi tentativi di solito sono un po’ traballanti e inaffidabili, ma a poco a poco li aggiusto, mentre imparo cosa possono e non possono fare. La grande bobinatrice per betoniera è stata sviluppata in circa 6 anni. Inizialmente era un dispositivo per intagliare il legno, ma ora può fare molti i tipi di cose. A volte le singole opere d’arte possono essere realizzate in pochi giorni, ma prima di quel momento tendono a esserci molti tentativi e aggiustamenti falliti.

Il potenziale della tecnica è sorprendente. È come se si chiudesse un cerchio perfetto. In un mondo così tecnologico, è impressionante come Will riesca ad essere così tradizionale – nei materiali utilizzati – e contemporaneo – nell’espressione e nelle realizzazioni – allo stesso tempo.

Puoi descrivere brevemente la tua scelta di materiali e qual è la tua ispirazione? Il legno è normalmente il mio punto di partenza per costruire macchine, ma dopo provo a usare cose che ho già in studio. Negli anni ho collezionato moltissimi oggetti meccanici e hardware rotti. Cerco di andare il meno possibile nei negozi. Per il filato, provo a raccogliere vecchi stock. Ho raccolto molto da una fabbrica che produceva uniformi scolastiche e ne ho ancora alcune con cui lavorare. La maggior parte degli altri materiali proviene da commercianti di costruttori. Penso che la routine in studio ispiri il lavoro che farò dopo. Stando con le macchine e gestendo i materiali, si presenta il passo successivo, sono sempre alla ricerca di una nuova direzione in cui muovere le cose. Se le cose diventano troppo prevedibili, cambio qualcosa o passo a un’altra macchina o processo.

Ultimo ma non meno importante, cosa vorresti sviluppare in futuro? Hai qualcosa in particolare rispetto alla tua poetica e ricerca? Penso che i processi di produzione che ho sviluppato potrebbero prestarsi a realizzare oggetti su scala molto più ampia. Ci sono requisiti importanti e spazio più ampio necessari per questo, ma si spera che queste opportunità si presentino. A parte questo, ho intenzione di continuare a indagare e seguire le possibilità che i materiali e le macchine presentano, portando avanti le cose ovunque sia possibile.

This post is also available in: Inglese