Palma de Mallorca, 3 aprile 2020

Eccomi, davanti al computer, a scrivere un messaggio che mi ha chiesto la mia cara “capa” Martina. Normalmente non amo fare questo genere di cose, ma provo molto stima per lei. Non sono un esibizionista e non ho il desiderio di apparire. Non ho social network e neppure WhatsApp, nulla. Sono una persona che preferisce ascoltare per parlare. In effetti, è per questo che dipingo: non devo parlare. Tuttavia, l’amicizia e il rispetto che provo per Marti, e l’ammirazione per la sua assoluta professionalità, mi fanno essere qui, ora, a scrivere queste righe.

Sono nato nella città di Palma, sull’isola di Maiorca (Isole Baleari, Spagna), nel 1985. Sono 100% Mediterraneo. È interessante notare che sono nato una domenica. Non dicono che i creativi nascono di domenica? In Italia, le persone mi conoscono come Il Pinya, in modo amorevole, perché per diversi anni ho lavorato anche qui, grazie al supporto del collezionista Emilio Bordoli che mi ha messo in contatto con tante persone, molte delle quali meravigliose, e mi ha aperto a un percorso professionale internazionale.

Prima di approdare in Italia, devo ammettere che ho avuto un’adolescenza un po’ ribelle e conflittuale, in cui mi sono trovato piuttosto perso. Ricordo che, per avere un po’ di soldi, ho venduto hashish ai miei amici a scuola e ho fatto arrabbiare mia madre. A 17 anni ero in un collegio a Paterna (Valencia, Spagna), per due anni, ed è stato lì che ho avuto una grande rivelazione: ho capito che quello che mi piaceva davvero era raccontare storie. Comunicare. Provocare agli esseri umani di farsi domande, anche se poi non trovano le risposte. All’inizio, ho cercato di raccontare quelle storie attraverso la parola scritta. Ed è stata la stessa parola che mi ha portato all’immagine. Ecco perché mi considero una specie di scrittore frustrato, ma per questo stesso motivo c’è un carico narrativo importante nei progetti che realizzo. Inoltre, per coincidenza, ho un ottimo rapporto con i poeti maiorchini della mia generazione, quasi meglio che con i pittori.

La mia formazione, praticamente, può essere considerata autodidatta, ho trascorso solo tre o quattro mesi all’Accademia di Belle Arti. Il metodo migliore che conosco per provare ad imparare è l’errore. Più mi sbaglio, più imparo. Questa è la formula che utilizzo maggiormente e in cui credo. Gli intellettuali mi sembrano piuttosto noiosi. La teoria mi sfugge. Mi piacciono le cose trasparenti, sincere e dirette. Con onestà, senza letteratura di mezzo.

Il percorso del samurai è il percorso dell’immediatezza. Perché tanto ciarlare e riempire gli spazi con falsi ornamenti, formalismi ed espressioni vuote? L’azione e il silenzio sono sempre più stimolanti. Come si può facilmente intuire, in generale, sono anche molto annoiato dal sistema artistico. Soprattutto da quando lo considero molto parziale e assente di personalità. Dove, attualmente, prevale un’estetica omogenea e insipida, con un residuo pseudo-concettuale-trash. Il più delle volte articolato da un curatore di moda, in spazi diretti sotto gli interessi dei suoi amici. Con opere di artisti dipendenti da Instagram e/o altri social network. Che panorama! Sentirmi parte di tutto ciò mi irrita ed è per questo che, ogni volta che posso, mi piace essere una specie di intruso e satellite, e infiltrarmi in progetti al di fuori del “mondo dell’arte”. Ad esempio, credo molto nella funzionalità dell’arte.

Una delle ultime esperienze più affascinanti e scioccanti che ho vissuto di recente è stata poco più di un mese fa, ad Anantapur, la zona più povera e rurale dell’India. Sono stato lì per realizzare un murale in un centro per bambini con paralisi cerebrale, nell’area di Bathalapalli, in collaborazione con la Fondazione Vicente Ferrer. Nell’ambito del progetto Mataombres. Senza dubbio è stata un’esperienza molto intensa. Soprattutto a causa del contrasto insolito a cui ho assistito. Un contrasto disorientato e allo stesso tempo illuminato. Come può esserci tanta bellezza in mezzo a una povertà così estrema? Come hanno potuto queste persone sorridere, in modo così naturale, con solo le risorse di base?

Mi sono sentito triste per aver dovuto aspettare quasi 35 anni e percorrere migliaia di chilometri per prendere coscienza delle circostanze in cui alcune persone vivono. Quando, non molto lontano da me, di giorno in giorno, queste situazioni continuano a manifestarsi continuamente.

Dopo questo momento storico generato dalla pandemia di COVID-19, spero che, almeno come effetto positivo, si espanderà una maggiore coscienza collettiva e un maggiore impegno sociale, e culturale, da parte di tutti. Come ha detto il professor Joseph Beuys, Revolution sind wir, La rivoluzione siamo noi.

Albert Pinya

This post is also available in: Inglese